Questo sito web utilizza cookies tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza web e offrirti servizi in linea con le tue preferenze.
Per saperne di più o per negare il consenso ai cookies clicca qui.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Autorizzo

Vero o Falso: gli Antiossidanti

Come ogni anno, l’arrivo delle prime giornate di sole e il loro invito a stare all’aria aperta ravvivano l’interesse per gli antiossidanti, sostanze presenti in numerosi alimenti e in grado di contrastare quei radicali liberi la cui formazione può essere favorita proprio dai raggi UV, insieme a molti altri fattori di tipo ambientale e non.

È il periodo giusto, dunque, per andare un po’ più a fondo su questo tema, chiedendoci se è vero o falso che…

1. I radicali liberi sono sempre dannosi

Falso.

In realtà è tutta una questione di equilibrio: i radicali liberi servono; è il loro eccesso ad essere potenzialmente dannoso.

Se nel nostro organismo non si formassero radicali liberi, saremmo infatti privi di una potente arma contro batteri patogeni e altri agenti estranei.

Se presenti in quantità eccessiva, i radicali liberi possono tuttavia danneggiare le nostre cellule. È in questo che gli antiossidanti fanno sentire l’importanza della loro azione: combattere l’eccesso di radicali liberi per restaurare una condizione di equilibrio nel nostro organismo.

2. Gli antiossidanti non sono tutti uguali

Vero.

Esistono tipologie di antiossidanti molto diversi tra di loro, in molti casi attivi su tipologie altrettanto diverse di radicali liberi.

Possono avere infatti attività antiossidante alcune vitamine, come la C e la E, alcuni minerali, come selenio e zinco, alcuni enzimi e molecole di natura diversa come le grandi famiglie dei polifenoli e dei carotenoidi.

3. Per assumere antiossidanti bisogna mangiare frutti rossi e agrumi

Vero e Falso.

Frutti rossi e agrumi contengono antiossidanti di grande interesse, come vitamina C e diversi flavonidi, antiossidanti della famiglia dei polifenoli.

Non sono tuttavia gli unici tipi di alimenti che contengono antiossidanti: li possiamo trovare infatti in moltissimi frutti come kiwi, cachi, mango; ortaggi come peperoni, cavoli e broccoli, carciofi, aglio e cipolla; spezie come cacao, tè e caffè.

Benché abbondino maggiormente nel regno vegetale, gli antiossidanti non ne sono appannaggio esclusivo: alimenti come uova, bottarga e – nelle grandi occasioni – caviale offrono un ottimo contenuto di vitamina E, molto importante ad esempio per prevenire il danneggiamento delle nostre membrane cellulari.

Non possiamo impedire che si formino troppi radicali liberi

Vero e Falso.

I fattori responsabili della formazione di radicali liberi sono molteplici: su alcuni non possiamo avere influenza, ma su altri senza dubbio sì. Si tratta in questo caso soprattutto di fattori per i quali è stato individuato un mezzo di protezione adeguata, come i raggi UV da schermare con opportune creme solari, o fattori che dipendono dal nostro stile di vita, a partire dall’abitudine al fumo.

Ma come fare per essere certi di assumere la quantità adeguata di antiossidanti? A questo proposito, la Società Italiana di Nutrizione Umana sottolinea l’importanza della varietà a tavola: “una dieta equilibrata, varia e ricca di alimenti di origine vegetale è la strategia migliore per garantire un apporto [di antiossidanti] sufficiente in termini salutistici” (Rif. LARN 2014).