Latte di mucca, di bufala, di capra, di asina: quali differenze?

Al supermercato o in negozi specializzati, non è raro oggi trovare – accanto al latte di mucca – quello di altri animali come bufala, capra o, pur meno diffuso, asina.

Gusti diversi e invitanti, che ci sanno coinvolgere con la sapidità del latte di capra o la cremosità di quello di bufala.

Ma oltre gli aspetti sensoriali, tra latti di specie diverse ci sono anche differenze di composizione?

Qualcuna sì, ecco le principali (per 100 g di latte):

proteine grassi Lattosio
Latte di mucca 3,5 g 3,5 g 4,5 g
Latte di bufala 4,8 g 7,5 g 4,7 g
Latte di capra 3,7 g 4,3 g 4,7 g
Latte di asina 1,8 g 1,5 g 6,2 g

Il latte di bufala è quindi quello con più grassi, come ci suggerisce la sensazione particolarmente ricca che offre al nostro palato.

Rispetto al latte di mucca, inoltre, contiene quantità maggiori di importanti minerali come calcio, magnesio e fosforo, presenti comunque a livelli rilevanti anche nel latte cui siamo abituati.

Il latte di capra ha scostamenti meno evidenti – si differenzia soprattutto, quindi, per il lato gustativo – mentre quello d’asina presenta una composizione del tutto particolare.

Povero in proteine e grassi, infatti, questo è l’unico dei latti elencati a non essere usato per la produzione di formaggi. Il contenuto di lattosio, abbastanza uniforme per gli altri latti, è qui molto maggiore. La presenza di lattosio è in grado di favorire l’assimilazione del calcio da parte del nostro organismo – ed è una delle ragioni per cui il latte e i suoi derivati freschi sono fonti particolarmente importanti di questo minerale.

Interessante infine notare che il latte d’asina, rispetto agli altri elencati, è il più simile a quello materno per quanto riguarda proprio le quantità di proteine e lattosio contenute. Questi dati non sono tuttavia sufficienti per deciderne un utilizzo in questo senso: molti altri parametri vanno infatti presi in considerazione, parametri che solo una figura di riferimento come il pediatra saprà valutare in caso di necessità specifiche.