Questo sito web utilizza cookies tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza web e offrirti servizi in linea con le tue preferenze.
Per saperne di più o per negare il consenso ai cookies clicca qui.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Autorizzo

Hanami Bento Box: pic nic per la fioritura dei ciliegi

All’avvicinarsi della primavera Yakult, azienda alimentare giapponese con oltre 80 anni di storia, ha il piacere di condividere un modo tutto nipponico di salutare l’arrivo della buona stagione: è l’hanami, che oggi unisce l’ammirazione dei fiori di ciliegio a un pic nic molto particolare.

Da fine marzo a inizio maggio, infatti, il paesaggio giapponese è ingentilito dalla fioritura progressiva – da sud verso nord – di delicati fiori rosa che trasformano i grandi alberi di ciliegio in macchie di colore, una veste primaverile per i vasti parchi e i lunghi viali.

Si celebra dunque in questo periodo l’hanami, ovvero l’ammirazione di tale fioritura, una tradizione che affonda le radici in tempi molto antichi della storia giapponese quando, nell’ottavo secolo, fu importata dagli usi della cultura cinese, a quei tempi di grande influenza sull’aristocrazia nipponica.

Ai giorni nostri, la pratica dell’hanami è vissuta soprattutto come occasione di festa, cui l’incipiente stagione primaverile senza dubbio invita: di giorno ci si ritrova sotto i sakura (fiori di ciliegio) per il tradizionale pic nic, mentre di sera si festeggia alla luce di lanterne di carta. Curiosamente, all’hanami notturno è riservato un nome specifico: yozakura (sakura di notte).

Ma cosa si prepara in Giappone per un pic nic all’ombra dei ciliegi in fiori?

Partiamo dal contenitore: a differenza di quanto avvenga qui da noi, dove si usa mettere nei cesti da pic nic il cibo preparato per tutti, da dividere poi sul posto, in Giappone anche in questa occasione vengono usati i bento, contenitori chiusi in cui viene messo – suddiviso in scomparti – il pasto per ogni singola persona.

Nel caso dell’hanami bento box, tra gli alimenti preparati è tradizione che prevalgano i colori del rosa, rosso e arancio – in omaggio alla primavera in arrivo.

Accanto all’immancabile riso, ecco quindi comparire ad esempio specialità a base di gamberi, salmone o pagello rosa (sakuradai), ricette con zucca gialla (kabocha) o carote, e sakura mochi, tipici dolci rosa in cui del riso colorato che racchiude un cuore pasta di fagioli rossi viene avvolto in foglie di ciliegio.

E per chi resta in Italia?

Un suggerimento può essere quello di andare a Roma, dove da diversi anni l’hanami viene festeggiato al Laghetto dell’EUR, lungo la Passeggiata del Giappone. Qui infatti sono stati piantati i 150 alberi di ciliegio che il Primo Ministro giapponese Nobusuke Kishi, in visita ufficiale in Italia, regalò al nostro Paese nel 1959: un anno più tardi, la passeggiata e i suoi ciliegi vennero inaugurati in occasione dell’apertura del Parco dell’EUR per i Giochi Olimpici.

Qualche idea per un pic nic italiano nello spirito dell’hanami bento? Con uno sguardo alle nostre verdure di stagione, possiamo pensare a dei muffin di porri e carote novelle, a dei flan di asparagi e cipolle rosse, o a dei bocconi di trota salmonata in carpione o al vapore, magari accompagnati da un’insalata di indivia e fiori eduli.