Questo sito web utilizza cookies tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza web e offrirti servizi in linea con le tue preferenze.
Per saperne di più o per negare il consenso ai cookies clicca qui.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Autorizzo

L’alimentazione giusta per una abbronzatura sana e al top!

L’arrivo del caldo coincide per molti con una grande passione: la tintarella! Ma quali sono i segreti per abbronzarsi nel modo più sicuro? Oltre alla scelta di una protezione solare adeguata al nostro tipo di pelle (indispensabile per prevenire scottature e irritazioni dovute ad un’eccessiva esposizione ai raggi solari) è importante curare la propria alimentazione. Un’abbronzatura sana incomincia infatti a tavola, con cibi che favoriscono una coloritura ambrata e alimenti che mantengono la pelle idratata nonostante l’esposizione al sole. Importanti anche gli antiossidanti: i raggi solari portano infatti alla formazione di radicali liberi, che contribuiscono all’invecchiamento cutaneo.

Partiamo allora dal colorito: la nostra pelle si abbronza perché, in risposta all’esposizione ai raggi solari, i suoi strati più superficiali si arricchiscono in melanina, una sostanza che ha la funzione di proteggerci dai raggi UV e che, essendo di colore scuro, ha il gradito “effetto collaterale” di regalare alla nostra pelle quella bella tonalità che tanto desideriamo.
Quali alimenti aiutano il nostro organismo a produrre melanina? La frutta e la verdura di stagione ricca di betacarotene, ovvero quella di colore giallo o arancione: peperoni, pomodori, barbabietole, carote, zucca, ma anche albicocche, nespole, pesche, melone e anguria.

Se passiamo invece alla frutta e alla verdura di colore rossa o viola, vi troviamo le antocianine, che sono responsabili di quella colorazione e agiscono come antiossidanti contro i radicali liberi. La stagione estiva ne è particolarmente generosa: non facciamoci allora mancare nel piatto melanzane, barbabietole, radicchio e, come frutta, ciliegie, more, mirtilli e lamponi!

E quando parliamo di frutta, ricordiamoci di mangiarla con la buccia, dopo accurato lavaggio: non rischieremo di rinunciare a buona parte delle sostanze  più preziose, come vitamine e antiossidanti, che si trovano proprio in questo strato. Ottime anche le spremute, i centrifugati e i frullati – e se la frutta è fresca e di stagione, non servirà aggiungere zucchero per avere tutto il gusto che vogliamo

Un altro importante antiossidante è la vitamina E: non dimentichiamoci quindi della frutta secca: mandorle, nocciole, e noci sono naturalmente ricche di questa vitamina, che agisce come scudo di protezione della nostra epidermide perché è in grado di assorbire proprio i raggi UV più dannosi per la sua salute mantenendo i tessuti elastici e naturalmente idratati.
Anche il germe di grano ne è particolarmente ricco: perché non aggiungerlo alle nostre insalate estive, oppure allo yogurt o al latte della prima colazione?

Troviamo la vitamina E anche nell’olio extravergine d’oliva, un condimento ideale soprattutto a crudo, particolarmente ricco anche di un’altra classe di importanti antiossidanti: i polifenoli. Un filo di olio sulle verdure ha inoltre la capacità di aumentare la disponibilità di alcune importanti vitamine contenute in esse.

E infine, per mantenere la pelle idratata anche sotto il sole estivo via libera a salmone e pesce azzurro, fonti naturali di omega 3.

Ecco fatto: la tavola è pronta, e l’abbronzatura è servita!