Questo sito web utilizza cookies tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza web e offrirti servizi in linea con le tue preferenze.
Per saperne di più o per negare il consenso ai cookies clicca qui.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Autorizzo

Problemi di insonnia?

Non contare le pecore, combattili con lo sport!

La notte non riuscite a dormire bene e vi svegliate più volte durante il sonno? La soluzione al vostro problema potrebbe essere un po’ di sana attività fisica. Non serve stancarsi troppo: anche una camminata di 10 minuti al giorno è sufficiente per combattere l’insonnia. E’ quanto sostiene uno studio realizzato dalla statunitense National Sleep Foundation, che ha condotto un sondaggio dedicato allo stile di vita rispetto al sonno su 1.000 adulti fra i 23 e i 60 anni. Secondo la ricerca, la mancanza di riposo influisce sulla qualità della vita per il 45% e l’esercizio fisico sarebbe in grado di favorire l’effetto ristoratore del sonno in chi fatica ad addormentarsi. Dall’analisi dei dati rilevati sui partecipanti è, infatti, emerso che coloro che durante il giorno praticano una qualunque attività fisica, dal nuoto allo yoga, dormono meglio la notte. Tra chi, invece, soffre di insonnia e non si concede neanche una breve camminata, il 79% accusa disturbi dell’umore, il 46% difficoltà di concentrazione e memoria durante il giorno. Ma per cadere di nuovo tra le braccia ristoratrici di Morfeo, il segreto è semplice: fare un po’ di moto. Il consiglio è svolgere attività fisica che consenta di rilassarsi e contrastare le tensioni e lo stress accumulate durante il giorno. L’esercizio ideale è quello aerobico, ad esempio la corsa, la bici, il nuoto eseguito a un’intensità moderata-lieve.

Ecco qualche consiglio.

Camminare

Per i più pigri anche una semplice camminata di 10-30 minuti al giorno nel verde è in grado di rilassare la mente dalla stanchezza. Se, invece, siete costretti a lavorare lunghe ore in ufficio non dimenticate l’opportunità che questo luogo offre: per esempio, al termine della giornata lavorativa, è preferibile scendere qualche rampa di scale a piedi, piuttosto che schizzare fuori dall’ufficio scomparendo nell’ascensore. Scendete gradino dopo gradino, concentrandovi sul movimento e sulla respirazione: vi permetterà di lasciarvi alle spalle le preoccupazioni di un’intensa giornata di lavoro.

Rilassarsi con lo yoga

Imparate a rilassarvi: può essere utile contro stress o ansia. Esistono esercizi specifici di rilassamento che hanno l’obiettivo di ridurre la tensione fisica; altri lo scopo di eliminare pensieri e preoccupazioni che si affacciano nel momento dell’addormentamento. Lo yoga è una delle attività migliori per ridurre gli stati di ansia e malumore e riallineare i bioritmi notte-giorno: la coordinazione di movimenti e la costruzione di figure aiuta a ridurre lo stress emotivo, aiuta a superare meglio situazioni di conflitto e traumi, stimola l’attività cognitiva e il riposo.

Nuoto scaccia pensieri

Particolarmente utile per lo sviluppo armonico del corpo, il nuoto è una delle attività più indicate per chi soffre d’insonnia. È possibile, infatti, praticarlo da piccolissimi, così come nella terza età. I movimenti, profondi e ritmici, in acqua diventano un vero e proprio massaggio, in grado di ridurre tensioni e rigidità, sia a livello mentale, che a livello fisico, stati che spesso non ci consentono di riposare bene. Mentre nuota o galleggia, il corpo si disconnette dal mondo dominato dalla gravità e questo stato di leggerezza si ripropone anche a livello mentale. Non importa essere nuotatori da record: anche in questo caso, bastano poche vasche per aiutarci a staccare la spina.

Due ruote di leggerezza

La bicicletta: le due ruote consentono a chiunque, bambini, adulti e anche agli anziani, di rimanere in salute senza doversi sottoporre a pesanti allenamenti. Quali sono i benefici della bicicletta? Grazie all’attività costante, garantita dalla due ruote, il cuore diventa più forte e resiste alla fatica con minor sforzo. L’aumento dell’ossigenazione, aiuta la respirazione e contrasta quei fastidi che possono rendere difficile il sonno come apnee notturne e russare. Inoltre la pedalata migliora la circolazione venosa e linfatica degli arti inferiori, che previene la formazione di fastidiosi gonfiori alle gambe e ai piedi.

Un consiglio per tutti

L’esercizio fisico non va considerato solo come una forma di allenamento per perdere peso e stare in forma. È importante concepire l’attività fisica anche come motivo di evasione. È bene quindi evitare di compiere sforzi eccessivi, perché ciò genera affaticamento e stanchezza e non concilia il buon riposo. Inoltre, secondo gli esperti è importante evitare le ore serali. Allenarsi a tarda sera, infatti, può causare un aumento della temperatura corporea che ritarda la fase di addormentamento, che secondo la ricerca trova il suo momento migliore con l’inizio della discesa della curva termica, tra le 22 e le 23. Molto consigliate dagli esperti, invece, le prime ore serali, dal tramonto fino al crepuscolo.