Questo sito web utilizza cookies tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza web e offrirti servizi in linea con le tue preferenze.
Per saperne di più o per negare il consenso ai cookies clicca qui.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Autorizzo

Sei ottimista? Hai il cuore più sano…

Dont’worry, be happy! Recita un noto ritornello musicale. Non un caso, forse, perché l’ottimismo e il buon umore fanno veramente bene alla salute della nostra mente e soprattutto al nostro cuore. La conferma arriva da uno studio che l’Università del Michigan e della Harvard University di Boston hanno dedicato a questo tema. Vedere il bicchiere mezzo-pieno è un vero e proprio toccasana: gli scienziati hanno esaminato i risultati di oltre 200 ricerche. Dall’incrocio dei dati su persone con problemi al cuore con le informazioni relativi agli stili di vita dei soggetti osservati, è emerso che gli individui con più alti livelli di buonumore seguivano uno stile di vita corretto, caratterizzato da un’alimentazione sana ed equilibrata, ricca di frutta e verdura, una costante attività fisica e un sonno regolare. I meno ottimisti, al contrario, sembrano trascurare la dieta e l’alimentazione con regimi e cibi poco equilibrati, non svolgono attività fisica e hanno un atteggiamento negativo verso tutto ciò che li circonda. Sono meno socievoli e meno disponibili verso gli altri. Chi vede la vita con ottimismo, si mostra aperto, più abile nel ragionare e nell’affrontare i problemi. Inoltre, gli ottimisti amano condividere il buonumore con gli altri, dedicando il proprio tempo ad attività piacevoli e sociali.

Ma l’ottimismo avrebbe anche effetti benefici diretti sul muscolo cardiaco: i ricercatori hanno monitorato per quattro anni lo stato di salute di 6.800 volontari over-50, registrando la presenza di problemi al cuore e valutando anche gli aspetti psicologici dei partecipanti. Le persone che si sono dichiarate felici e ottimiste vedono scendere il rischio di avere problemi al cuore di oltre il 26%. Il grado di felicità personale riduce quindi la possibilità di soffrire di scompensi e disturbi al cuore anche gravi come l’infarto.

Inoltre, la serenità è fondamentale perché influisce anche sulla qualità del sonno. Ansia e stress ci fanno riposare male e questo ha un effetto negativo sul metabolismo, sulla salute cardiovascolare e sulle nostre capacità di apprendimento. Sentirsi felici ed appagati concilia invece un buon sonno ristoratore, allontanando quegli squilibri nell’orologio biologico deleteri per la linea, per la mente e per la salute del cuore.