Questo sito web utilizza cookies tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza web e offrirti servizi in linea con le tue preferenze.
Per saperne di più o per negare il consenso ai cookies clicca qui.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Autorizzo

Soft fitness: essere tonici senza sudare

Con l’arrivo della bella stagione si ha voglia di sentirsi  in forma, ma non sempre faticare fino allo stremo è la soluzione giusta! Numerosi studi hanno portato alla diffusione di nuove metodologie di allenamento e molte palestre propongono sempre più corsi per tonificarsi in modo soft. La consacrazione del “soft fitness” arriva da una ricerca pubblicata della Georgia State University, che ha stilato un elenco delle attività che apportano maggiori benefici al fisico e alla mente.

Ecco quali sono:

Il Body Symphony è un corso di stretching accompagnato da musica classica: esercizi di contrazione, tenuta e allungamento che stimolano la muscolatura e il riequilibrio della postura a suon di Bach e Chopin. I movimenti sono molto rilassanti e non richiedono uno sforzo eccessivo. L’allenamento consiste in esercizi di contrazione, di tenuta e allungamento per stimolare la muscolatura profonda e il riequilibrio della postura. È indicato a chi desidera armonia, equilibrio e relax, staccando la mente dallo stress quotidiano e immergendosi nell’ascolto del corpo e della musica.

L’Antigravity unisce esercizi derivanti dal pilates e dallo Yoga, dalla ginnastica ritmica e dalla danza, da ripetere sospesi su un’amaca di tessuto elastico appesa al soffitto. Allevia i problemi di cervicale, migliora la postura della colonna vertebrale, migliora la circolazione periferica e linfatica combattendo così la ritenzione idrica e la cellulite.

Il Flowing prevede l’utilizzo di un tavola liscia e di speciali pads (due per mani e due per piedi) con cui si sviluppa un attrito che potenzia la muscolatura.

Il Mat Pilates: il nome deriva dal fatto che gli esercizi vengono eseguiti a corpo libero su un materassino, “mat”. I movimenti del Mat Work coinvolgono tutta la muscolatura, mantenendo la coordinazione e l’elasticità di gruppi muscolari che, per lungo tempo, non sono stati usati in modo corretto. Questa tecnica a corpo libero permette di acquisire un controllo in termini di equilibrio, percezione di sé, allungamento, tonificazione e forza. I benefici? Minor mal di schiena, zona lombare irrobustita e addominali tonici.

Il Piloga: (pilates + yoga) è una tecnica di allenamento che promette di archiviare i problemi da stress: addio quindi tensioni mentali, ansie, contratture muscolari. Combina i principi delle due discipline e consiste in diverse sequenze di movimenti da eseguire lentamente, con attenzione alla respirazione addominale. Di solito per scaldare e sciogliere il corpo si inizia con alcune posizioni tipiche dello yoga, per poi passare ai movimenti del pilates che sono più impegnativi dal punto di vista fisico e che vanno a concentrarsi sui muscoli addominali e lombari, fondamentali per proteggere la colonna vertebrale. Le articolazioni non sono sottoposte ad alcun tipo di sovraccarico, il cuore lavora a ritmi bassi, ogni movimento è controllato. L’approccio soft lo rende adatto anche a chi ha qualche acciacco, per esempio alla schiena o alle ginocchia, o chili di troppo.