Questo sito web utilizza cookies tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza web e offrirti servizi in linea con le tue preferenze.
Per saperne di più o per negare il consenso ai cookies clicca qui.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Autorizzo

Sport sotto il sole: come allenarsi in modo sicuro con il caldo

Mantenere un buon livello di attività fisica anche nei mesi più afosi dell’anno è importante, ma occorre prendere le necessarie precauzioni per evitare problemi e inconvenienti dovuti allo sforzo fisico con le alte temperature. Ecco qualche consiglio per un’estate di sport in sicurezza.

In fase di allenamento, molti atleti non utilizzano alcuna crema protettiva sotto al sole, perché  ritengono che rimanere in movimento sia già una protezione sufficiente dalle scottature. In realtà non è così: la pelle va sempre protetta, ogni volta che ci si espone ai raggi solari. Anche per questo motivo, vanno scelti con attenzione gli orari della giornata in cui praticare l’attività sportiva. I momenti migliori sono le prime ore del mattino, il tardo pomeriggio e ovviamente la sera (dal tramonto in poi). In questo modo si evita di allenarsi durante le ore più calde (dalle 11 alle 17), quando i raggi del sole sono più nocivi per la nostra pelle.

Tra i traumi più comuni per chi pratica attività fisica all’aria aperta, in montagna o in spiaggia, ci sono la distorsione del pollice e della caviglia, le fratture del polso e le tendiniti del ginocchio.  Il miglior metodo per contrastarli? Eseguire un giusto riscaldamento. A seconda dell’attività che si svolge è necessario iniziare l’allenamento con almeno cinque minuti di esercizi di respirazione ed attività aerobica (ad esempio una corsa leggera), utili a rendere più veloce la contrazione muscolare e a migliorare la perfusione del sangue e quindi dell’ossigeno verso i muscoli coinvolti nello sforzo. Da non sottovalutarel’importanza dello stretching per l’allungamento muscolare e la mobilizzazione delle articolazioni. L’esecuzione di questi esercizi di stiramento (semplici o complessi) hanno anche lo scopo di allentare la tensione, rilassare la muscolatura e prevenire fastidiosi infortuni.  Un corretto stretching  è importantissimo sia prima di fare esercizio, sia al termine dell’allenamento.

Nelle ore successive ai pasti è consigliabile evitare di fare attività fisica in modo intenso, perché il processo digestivo necessita di un notevole apporto di sangue, che verrebbe sottratto ai muscoli: meglio, dunque, aspettare almeno due ore prima di iniziare ad allenarsi. Inoltre, mantenersi ben idratati è fondamentale: il consiglio è di bere tanta acqua (preferibilmente a temperatura ambiente) prima, durante e dopo la sessione di allenamento. In caso di necessità, potete incrementare l’apporto di sali minerali, persi con lo sforzo fisico, con integratori adeguati.

Un altro problema comune sono le vesciche ai piedi, fastidiose conseguenze dello sport in estate. Per evitarle basta indossare calze aderenti, che mantengono i piedi ben asciutti e scarpe idonee all’attività che si svolge. Non dimenticate un abbigliamento leggero e traspirante, che facilita l’espulsione naturale del sudore.

Buon allenamento a tutti!