Questo sito web utilizza cookies tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza web e offrirti servizi in linea con le tue preferenze.
Per saperne di più o per negare il consenso ai cookies clicca qui.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Autorizzo

STASERA: SI VA A LETTO PRESTO!

Una buona qualità del sonno è un’arma strategica per raggiungere il nostro benessere psicofisico. Dormire, infatti, fa bene al nostro cervello, perché durante il sonno l’organismo si rigenera e la corteccia cerebrale ha la possibilità di fissare le informazioni ricevute durante il giorno. Al contrario, la carenza di sonno porta a ridurre il livello di concentrazione durante la giornata. Per favorire un sonno ristoratore e di qualità, che deve essere il più possibile duraturo e poco frammentato, puoi seguire qualche semplice accorgimento.

 

Te ne ricordiamo alcuni:

1. a cena non esagerare a tavola: è fondamentale, infatti, seguire un’alimentazione leggera evitando cibi troppo speziati e bevande alcoliche.

2. scegli una stanza fresca per il riposo e aereala spesso.

3. utilizza lenzuola di cotone in modo tale da far traspirare la pelle e garantire un giusto isolamento termico.

4. tieni lontano dal letto cavi, cellulari accesi e radio sveglie: i campi elettro-magnetici possono generare l’irritazione del sistema neurovegetativo dando origine a disturbi del sonno, irritabilità, stanchezza e depressione.

5. assicurati che la camera da letto sia sufficientemente silenziosa. Il rumore è, infatti, una delle cause principali dei disturbi del sonno.

Buonanotte!

 

Fonti:

Associazione Italiana del Sonno:  http://www.sonnomed.it/regole_sonno/

 

http://www.repubblica.it/salute/interattivi/2014/03/13/news/giornata_del_sonno_consigli_per_dormire_bene-80915339/

 

http://www.ok-salute.it/benessere-fitness/10_g_insonnia-abc.shtml

 

http://viverepiusani.com/quali-gli-effetti-dei-campi-elettromagnetici/

 

http://www.bimbiarimini.it/curarsi-con-la-natura-elettrosmog-come-difendersi-dalle-onde-elettromagnetiche