Questo sito web utilizza cookies tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza web e offrirti servizi in linea con le tue preferenze.
Per saperne di più o per negare il consenso ai cookies clicca qui.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Autorizzo

Yoga e bambini: posizioni e benefici

E’ di poche settimane fa l’ultima conferma dalla letteratura scientifica, già ricca di evidenze sull’argomento: praticare yoga può aiutare lo sviluppo cognitivo dei nostri figli, migliorando le capacità di concentrazione e comprensione anche di bambini con difficoltà di attenzione.

Altri benefici sono noti: gestione dello stress, controllo dell’ansia, ma anche maggiore elasticità fisica e consapevolezza del proprio corpo e dello spazio.

Come tutte le attività fisiche che proponiamo ai piccoli, però, divertimento e coinvolgimento sono prioritari.

Sfidiamoli allora in un’”imitazione yoga” degli animali che danno il nome ad alcuni degli asana più indicati per loro. Ecco i nostri preferiti:

1. Il Cobra (Bhujangasana):

“Ora immagina di essere un cobra nella sua cesta. Attento che tolgo il coperchio…. Sei pronto?”
Partendo da posizione prona, cominciare ad alzare la testa proprio come fa il serpente per uscire dalla cesta. Alzarsi poco alla volta, idealmente vertebra per vertebra. Dopo le prime, aiutarsi con l’appoggio delle mani, poste vicino al tronco all’altezza delle ascelle. Importante mantenere dritto il collo e flesse le braccia.
Benefici: elasticità e rafforzamento dei muscoli dorsali.

2. Il Leone (Simhasana):

“Adesso vediamo se sei un vero re della foresta. Forza: fuori gli artigli e ruggire!”
Lo yoga che non ci si aspetta: in ginocchio, a caviglie incrociate e seduti sui talloni, appoggiare con forza le mani sulle ginocchia con le dita a imitare gli artigli e ora… fuori la lingua, occhi ben aperti e ruggire!
Benefici: sviluppo dell’autostima.

3. Il Cane a testa in giù (Adho Mukha Svanasana)

“Hai presente come fa Toby, il tuo cagnolino, quando si sveglia dal suo pisolo? Sì, proprio quando fa quel grande sbadiglio e si stiracchia tutte le zampe. Ecco, ora tu sei Toby, è metà pomeriggio e ti stai svegliando…”
Dalla posizione a quattro zampe, alzare il bacino e le ginocchia. Mentre le gambe progressivamente si tendono, portare la testa tra le spalle e allineare le braccia con il corpo.
“Ora guardati un po’ in giro: non è divertente la tua stanzetta vista a rovescio?”
Benefici: allungamento della spina dorsale, stretching dei muscoli posteriori della coscia, rafforzamento delle braccia.

4. Il Gatto e la Mucca (Marjariasana e Bitilasana)

“Guarda in su, guarda in giù e da miao diventi muu! Non lo sapevi? E’ la formula magica per trasformare i gatti in mucche! Non ci credi? Proviamo”
Ancora da carponi, mentre si espira abbassare la schiena il più possibile portando il capo all’indietro per guardare verso l’alto. Inspirare. Inarcare ora la schiena espirando e, al tempo stesso, reclinare il capo fino a guardare il proprio ombelico. Ripetere il ciclo almeno tre volte.
Benefici: flessibilità della colonna vertebrale.